In principio Dio creò il cielo e la terra.

La terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo Spirito di Dio aleggiava sulle acque. Dio disse: «Sia luce!» E luce fu. Dio vide che la luce era buona; e Dio separò la luce dalle tenebre. Dio chiamò la luce «giorno» e le tenebre «notte». Fu sera, poi fu mattina: primo giorno.
(Gen 1,1-5)

Quello che mi colpisce della divinità è proprio la forza creatrice.

Quella forza che ha instillato scintille all’interno dei cuori dei poeti e degli artisti in generale, fino ad arrivare ai Creators dei giorni nostri.

L’ordine è la forza visionaria di assimilare contesto (forze e debolezze) e restituire uno strumento di sense-making.

L’ordine è un concetto centrale nell’innovazione e nella creazione. 

È presente nel metodo scientifico, nel design thinking e in altri processi creativi. 

La parola “caos” invece è stata coniata dall’antico filosofo greco Eraclito, che per primo la utilizzò per descrivere la mancanza di ordine nei processi naturali.

Il caos è un termine usato per descrivere uno stato di disordine o imprevedibilità. È spesso usato per riferirsi alla natura imprevedibile di sistemi complessi. La teoria del caos esamina come piccoli cambiamenti in determinate variabili possano avere un enorme effetto sul risultato.

Henri Poincaré nel suo libro “Scienza e ipotesi” (1905) definì il caos come “uno di quegli stati instabili che si distinguono per il fatto che piccole cause che, in altre circostanze, non produrrebbero alcun effetto, producono grandi effetti“.

Per avere successo nell’innovazione e nella creazione, è necessario avere una chiara comprensione del problema che stanno cercando di risolvere. 

Bisogna anche avere un’idea di come appare una volta risolto il problema. 

E infine, è necessario un piano su come risolverlo.

L’ordine ci consente di comprendere problemi complessi e trovare soluzioni creative che potrebbero non essere state in superficie prima. 

Ci aiuta a rimanere in linea con le nostre idee e obiettivi in modo da poterli raggiungere in modo più efficiente che se fossimo lasciati a noi stessi senza alcuna direzione o guida.

Viviamo nell’era del sovraccarico di informazioni. Internet ha permesso di trovare informazioni su qualsiasi cosa. Con così tanti contenuti creati ogni giorno, è difficile separare ciò che è rilevante e ciò che non lo è.

I ricercatori dell’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign e della Northwestern University hanno scoperto che le persone che completavano una serie di attività in un ordine fisso erano più creative di quelle che le completavano in un ordine imprevedibile. 

La ricerca dice che l’ordine dei compiti può influenzare la creatività. 

Pertanto, se stai cercando creatività per risolvere un problema, potrebbe essere utile che le persone lavorino sul problema in una sequenza predeterminata. 

Le persone creative hanno sempre dovuto destreggiarsi tra il loro processo creativo e le esigenze della loro organizzazione.

L’organizzazione può fornire a una persona creativa un senso di appartenenza e di comunità. Fornisce inoltre loro stabilità e risorse di cui hanno bisogno per produrre il loro lavoro.

Tuttavia, può anche essere restrittivo per la creatività, in quanto potrebbe costringerli a concentrarsi su cose che non sono realmente correlate al loro campo o interesse.

È importante per un’organizzazione trovare l’equilibrio tra dare alle persone creative abbastanza spazio per la creatività ma allo stesso tempo non lasciare che si allontanino troppo da ciò che dovrebbero fare.

Ed è proprio l’equilibrio tra questi due estremi ciò che crea un ambiente in cui le persone possono essere creative e produttive. 

In sintesi, per quanto possa sembrare scontato (e dall’altra anche confortante) possiamo tranquillamente affermare che senza un certo grado di disordine, non c’è creatività.

… E, ti dirò, #vivaIddio per questo!

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp

Mobile Video Making [FREE]

Iscriviti al Corso Mobile Video Making per Scoprire Come Fare Video Col Tuo Smarphone!
(Visited 38 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.